L’arte dei rumori

Visto che spesso si va avanti per anniversari e ricorrenze varie, anche io voglio una volta tanto dare una data da ricordare. Il 30 aprile del 1885 nasceva a Portogruaro Luigi Russolo. Il pittorecompositoreinventore firmò l’11 marzo 1913 “L’arte dei rumori“, manifesto della musica futurista.

Annunci

Tre versi (10)

Separa l’orizzonte prepotente
le nuvole dal cielo, sotto il sole.
Incerto resto a guardare la strada

Pizza a domicilio

Quante volte abbiamo ordinato la pizza a domicilio? Quante altre abbiamo incontrato ragazzi in motorino che anche sotto la pioggia andavano a consegnare la pizza calda? Finalmente qualcuno ha immortalato questi invisibili del nostro tempo. A Lione.

2013-03-28 10.52.24

Invito alla musica. Incontro 11

Nella famiglia dei legni, il più buffo è certamente il fagotto. Come l’oboe e il clarinetto ha un’ancia che vibra, anzi per la precisione somiglia più all’oboe perché ha un’ancia doppia. E’ una sorta di tubo di legno con una protuberanza, un cannello di metallo. Il suono è davvero particolare e molto accattivante. Ecco un esempio di fagotto solo

Per avere un suono più grave, occorre un controfagotto, che suona un’ottava sotto…

fagotti

Un po’ noioso? Ecco allora il fagotto e tutta l’orchestra

Trasparenze, risonanze…

Si intitola “Trasparenze, risonanze…” la mia nuova foto che vi voglio sottoporre. Lo scatto è stato leggermente ritoccato per cercare di esaltarne la dimensione musicale: figure evanescenti e definite che si alternano e intersecano, così come spazio e tempo. E altre cose….

Trasparenze

Rimembranza

Come un Parco delle Rimembranze le foto ci portano lontano -apparentemente- dal qui e ora. Una foto del mare mosso ci invita oltre l’uggiosa giornata odierna. Ma quando è stata scattata? Ieri, d’inverno, d’estate…? Che immagine è per chi segue il mio blog? Fatemelo sapere…

2012-08-28 14.52.35

Appuntamento ad Amsterdam

Una ragione in più per visitare Amsterdam. Dopo dieci anni di restauri ha riaperto il Rijksmuseum. Non un museo qualsiasi ma una megastruttura che può essere confrontata con stelle della grandezza del Louvre o del Metropolitan. Tutto è stato rinnovato e solo il celeberrimo quadro La ronda notturna di Rembrandt è tornato al posto originale. Per il resto, i visitatori potranno seguire un percorso cronologico che li farà immergere nei vari periodi storici. Come annuncia il sito del Museo, attraverso 80 gallerie si potranno rivivere 800 anni di storia e cultura olandese. Chi visita il Museo può farci avere qualche notizia?