Virtus Roma, lettera al Presidente

Una lettera aperta al Presidente ma anche a tutti quelli che gli stanno attorno: dirigenti, giocatori, tifosi, ecc. Volevo aspettare ma la notizia della diminuzione del budget del 30%, ammesso che sia vera, mi spinge a scrivere due righe sentite. Lo spettacolo della gara interna con Pistoia, la condotta altilenante di tutta la stagione, lo scollamento tra squadra e città (dopo un anno miracoloso anche da questo punto di vista), ecc: ci sono troppi punti interrogativi. E allora butto là qualche domanda. Cosa è stato fatto dal punto di vista mediatico per attirare qualche imprenditore di questa sonnolenta città a partecipare all’avventura del basket? Quali sono gli obiettivi dei prossimi tre anni della Virtus? Che senso ha ora mandare via il Gm dopo avergli confermato la fiducia in un momento terribile come quello del dopo-playoff dello scorso anno? Tra Calvani e Dalmonte passano infiniti tecnici. Basta trovare qualcuno che provi a ricucire i legami tra basket e città di Roma. Oltre a capirne di basket. Insomma come si può (ri)costruire l’amore per il basket se ogni anno si ricomincia da capo?

Annunci

Happy Birthday

La magia di un compleanno con gli amici. Il calore e il significato di una candela. I ghiotti macarons. Oggi sono ottimista e penso alla rinascita. Anche grazie alla solita bella foto di Paulette Hotteterre

HappyBirthday

Presenze

Difficile commentare quello che abbiamo vissuto oggi a Roma. Un evento storico con la testimonianza di quasi un milione di persone, tralasciando radio, internet e tv. Il momento più toccante, come immagina chi mi conosce, è stato nel vedere 800mila persone in assoluto silenzio. Speriamo che questa esperienza non si esaurisca in due ore di cerimonia, o in due giorni di privazioni. Ciascuno renda testimonianza con la propria vita. E intanto vi propongo una foto di ieri pomeriggio. I cattolici cinesi si sono fatti vedere a San Pietro. Una bandiera anche contro la censura

20140427-192630.jpg

Svegliati Roma

Buongiorno Roma. In questo fine settimana tornerai ad essere Caput Mundi. In bocca al lupo. Sopporta i disagi e guarda alla luce lassù in alto.

2014-04-26 09.08.21

V per vendetta

Avevo incontrato una persona che doveva parlare dei segreti di stato. Ci ha ripensato e non ha voluto essere intervistato. Mi resta una foto. Che pubblico

2014-04-20 23.59.36

Regista per caso

Potrebbe essere questo il titolo di Gigolo per caso al cinema in questi giorni. John Turturro scrive una commediola che non riesce mai a convincere, mancando completamente il ritmo. Mi chiedo se guardando il film in lingua originale il risultato migliori. La fiera degli stereotipi potrebbe andar bene in presenza di un testo comico, anche di basso profilo. Non è questo il caso. Peccato aver scomodato un cast tutto sommato ben assortito: oltre a Woody Allen e allo stesso Turturro, Sharon Stone, Vanessa Paradis, Sofia Vergara.

Pascha nostrum

Ricevo e volentieri pubblico…

L’antifona è tratta dalla seconda lettura alternativa (1 Cor 5, 6b-8): “Pascha nostrum immolatus est Christus, alleluia; itàque epulemur in azymis sinceritatis et veritatis, alleluia, alleluia” (1 Cor 5, 7c, 8ac). Le melodia in VI modo insiste sul fa che svolge la duplice funzione di tonica e di dominante. Fioriture d’abbellimento elevano il canto al la acuto e lo spingono al grave fino al do. Una particolare attenzione – con la reiterazione della figura (la-)sol-la – è rivolta a due parole chiave: azymis e veritatis. Il melisma su itàque riflette una condizione storica della lingua latina; è stato egregiamente spiegato da Guido Milanese.
La passione-morte di Cristo è inserita nell’economia della storia che D-i-o intesse con l’uomo nelle vicende che hanno visto interlocutorte privilegiato Israel. La Pasqua di Cristo non cancella la Pasqua ebraica. La riattualizza in una prospettiva universale e definitiva. Cristo, “servo” dell’Altissimo, è l’Agnello immacolato ora immolato per la liberazione del genere umano dalla schiavitù del peccato e della morte. Morte redentrice, quella di Cristo, che sfocia nella risurrezione. Ma entrambi questi momenti, di valore assoluto, non sono per nulla sufficienti a liberare l’uomo. D-i-o ha fatto la sua parte, in totale gratuità e “follia”, sino a consegnare il Figlio alla morte di croce. Perché morte e risurrezione raggiungano il fine della redenzione, è necessario che l’uomo prenda le sue responsabilità, si disponga ad accogliere il dono con cui D-i-o rinnova il gesto iniziale della creazione nel nuovo evento della risurrezione.
Il cantore innesta la sua esperienza sul gesto concreto con cui Israel si avvicinava alla Pasqua. Gesto multiforme che san Paolo ricorda nella prima lettera ai Corinti. L’antifona di comunione ha ritenuto la sola dimensione positiva; mentre l’apostolo parla anche dell’aspetto negativo “il lievito vecchio, il lievito di malizia e perversità” (1 Cor, 5, 8b). Di tale lievito, che infetta e corrompe ogni realtà, è necessario sbarazzarsi. La cura meticolosa, con cui il pio israelita fa la pulizia della sua casa, diviene l’impegno del cristiano che mette ordine nel proprio cuore e riordina il proprio pensiero, liberando tutta la persona dai fermenti che generano confusione e morte.
Dopo aver cantato l’importanza di estirpare ogni traccia di lievito (a-zimi), l’antifona richiama l’attenzione alla verità. Verità che non si limita a una proposta coerente, razionale e verbale. La verità ricordata nella liturgia è un atteggiamento della persona nella sua totalità, nel suo modo d’essere e d’ agire. Nella 1 Cor si parla di sincerità e verità (traduzione della lettura) o di purezza e verità (traduzione dell’antifona).
Le Scritture per aiutare a comprendere lo spessore della verità vissuta, accompagnano il termine con altri vocaboli integrativi ed esplicativi. La verità – di D-i-o e della creatura – non si realizza se non è associata e non si fonde con la bontà e la giustizia (Ef 5, 9), la fede (1 Tim 2, 7), gesti concreti (1 Gv 3, 18: opera), la grazia (Gv 1, 14), la luce (Ps 42, 3), la misericodia (Gn 24, 27. 49; 47, 29; Gs 2, 14; 2 Re, 2, 6; 15, 20; Ps 39, 11; 56, 4; 60, 8; 83, 12; 87, 12; 91, 3; 97, 3; 113, 10; 137, 2; Prv 16, 6), la pace (Ger 33, 6), lo Spirito (Gv 4, 23. 24) …
Il vivere la Pasqua non si può limitare alle celebrazioni liturgiche. Significa divenire sacramento, segno sensibile ed efficace, presenza della misericordia di D-i-o nella vita quotidiana. O, come dice un’antica preghiera, essere “lumen fidei et veritatis” (BAV.ACSP.F13, 26v).

Bruder Jakob

alleluia_pascha_nostrum

Silenzio

Sarebbe bello fare un po’ di silenzio in questi giorni. Ciascuno per conto proprio. La Pasqua ebraica, cattolica e ortodossa sono concentrate in pochi giorni. Non facciamoci rubare la spiritualità da chi ci vorrebbe consumatori ventiquattr’ore al giorno.

In silenzio, cerchiamo di ascoltare e ascoltarci.

Happy Easter Discount for Max 5000 by Marco Di Battista

I am happy to inform you that between Sunday 20th and Saturday 26th April, amazon.com and amazon.co.uk offer a huge discount (81%- 41%) to those who purchase Max 5000 by Marco Di Battista (the cost will be less than one dollar/pound until April 22nd). Ten very, very short stories, rather like songs that sing of the daily experiences and emotions of people the author has met in Rome, Italy, above all, but also in India, the USA…
Di Battista decided to publish his Max 5000 in Kindle format only, because “The era of paper has come to an end. Thanks to epub you can carry your library everywhere you go and read it anytime. My book is written for people obliged to travel to work, to sit in doctors’ or lawyers’ waiting rooms, stand in queues all over the world”. The author invites us to read only one tale a day, to allow the contents to decant a while as we relate them to our own experience.
The Happy Easter Discount will be applied to each of three language-versions of Max 5000: English, Italian and French. Between the 20th and 22nd April 81% discount, from the 22nd to the 23rd, 61%, and from the 24th to the 26th April, 41%.

In english:
https://www.amazon.com/dp/B00H8NKDC2

https://www.amazon.co.uk/dp/B00H8NKDC2

banner percomunicati