25 Anni di relazioni Georgia – Italia

Ieri sera nella splendida cornice di Palazzo Ferrajoli SE Karlo Sikharulidze, ambasciatore della Georgia in Italia, ci ha invitato a celebrare i 25 anni di relazioni diplomatiche tra Georgia e Italia. Nel suo discorso l’ambasciatore ha sottolineato come tra i due paesi vi siano da sempre relazioni eccellenti dal punto di vista formale ma anche e soprattutto una simpatia e una vicinanza straordinarie. A impreziosire l’incontro un’anticipazione del concerto che si terrà stasera alle 20.30 presso l’Aula Magna dell’Università di Roma La Sapienza per la stagione della IUCIstituzione Universitaria dei Concerti. Protagonisti, ieri come oggi, il mezzosoprano Nino Surguladze e il pianista Alessandro Stella ma soprattutto il compositore georgiano Giya Kancheli, autore delle musiche in programma, che purtroppo non ha potuto partecipare alle due serate.

Alessandro Stella e Nino Surguladze a Palazzo Ferrajoli
Annunci

Una verità per Three Mile Island

Al Teatro India di Roma è andato in scena il 21 e 22 maggio Three Mile Island “concerto scenico multimediale” da contributi scritti e videoregistrati di Ignaz Vergeiner raccolti da Karl Hoffmann. Le musiche erano di Andrea Molino e i testi di Guido Barbieri. La parte musicale era eseguita da due dei migliori gruppi per la musica contemporanea: Neue Vocalsolisten Stuttgart e Klangforum Wien. La voce narrante era di Andrea Mirò. Lo spettacolo nasce dalla rievocazione, in un’ottica ovviamente anti-nuclearista, dell’incidente nucleare del 28 marzo 1979 in Pennsylvania e può essere letto in due modi. Il primo, più evidente, è quello squisitamente teatrale. Un teatro di denuncia con modalità di oggi, non solo recitato, ma anche proiettato, suonato… Il secondo è legato alla parte musicale. L’Accademia Filarmonica Romana e l’Istituzione Universitaria dei Concerti, che hanno coprodotto l’evento insieme con ZKM – Centre for Arts and Media Karlsruhe, sono infatti istituzioni che si occupano di concerti. Ecco perché la partitura realizzata da Molino è tra gli ingredienti più importanti del cocktail mediatico. Eppure l’ottima partitura eseguita da ottimi esecutori non è riuscita ad incantare il pubblico. La sensazione dell’ascoltatore è che le musiche di scena restassero “dietro” al palco, alla vicenda stessa. Come figure nella nebbia. Lo sforzo richiesto a chi assisteva forse ne assorbiva troppo i sensi: guardare i video, ascoltare testi in italiano, inglese e tedesco, confrontarsi con la traduzione anch’essa proiettata sui pannelli, seguire gesti e movimenti dell’attrice voce narrante. Lo spettacolo regge insomma dal punto di vista teatrale, per il soggetto ma anche per come questo è confezionato. Per le musiche sarebbe bello, come è stato fatto spesso nella storia della musica, ascoltare una Three Mile Island Suite di Andrea Molino. Solo musica. Magari con questi fantastici interpreti.