Art in Trastevere

A nice evening visiting the studio od Peter Flaccus in Trastevere. This is my Hipstamatic version. A portrait of Peter with Thomas Migge, german journalist….

Annunci

Diario trasteverino

Ieri sera in piazza San Cosimato abbiamo visto (o rivisto) “Il conformista” di Bernardo Bertolucci. Il film, oltre ad avere un cast stellare (tra gli altri Jean-Louis Trintignant, Stefania Sandrelli, Gastone Moschin, Dominique Sanda) ha dimostrato la propria assoluta attualità nonostante sia stato girato nel 1970 e ricavato dall’omonimo libro di Alberto Moravia, pubblicato nel 1951. Grazie ai ragazzi del Cinema America per l’iniziativa del Cinema in Piazza: la qualità dei film e le scelte delle retrospettive ne fanno qualcosa di ben diverso delle pur adorabili arene estive

Unseen

Si intitola Unseen / Non visti la mostra che il Museo di Roma in Trastevere propone fino al 26 maggio. Come è scritto sulla presentazione,  Quattro fotografi, Jutta Benzenberg (Germania), Andrei Liankevich (Bielorussia), Livio Senigalliesi(Italia) e Mila Teshaieva (Ucraina), sono andati nelle zone rurali e nei piccoli centri dell’Albania, nella vasta palude della Polesia in Bielorussia, nella Sassonia-Anhalt nell’ex Germania dell’Est e nell’area carbonifera italiana del Sulcis in Sardegna e ne hanno raccontato il nucleo più interno e vulnerabile, quello familiare. L’esposizione, curata da Gabi Scardi, ideata e prodotta dal Goethe-Institut con i servizi museali di Zètema Progetto Cultura, sarà a Minsk nel mese di settembre e, subito dopo, a Tirana. A inizio 2020, ultima tappa a Halle presso la Kunststiftung des Sachsen-Anhalts (Fondazione per l’arte della Sassonia-Anhalt). La cosa più bella è che questa Europa nascosta e questa gente dimenticata dai media e dai social ci fa sentire più europei, ci avvicina alle nostre radici comuni. Ecco un paio di scatti che ho fatto all’inaugurazione