Il frammento del giorno

Quanto più m’avicino al giorno estremo / che l’umana miseria suol far breve, / più veggio il tempo andar veloce et leve / e ‘l mio di lui sperar fallace et scemo