Stabat Mater dolorósa

Un dolore che ti scava dentro

Brucia le viscere con cui l’hai generato

Tu ferma e il mondo in un vortice

iuxta crucem lacrimósa,

La sua croce, un letto d’ospedale

Come un aratro sul campo infecondo

Le tue lacrime asciutte scavano il viso

dum pendébat Fílius.

Sciogli l’abbraccio come un sogno svanito

Giaci con lui nella cassa di legno

Mentre con occhi socchiusi ti guarda

Cuius ánimam geméntem,

Come quel giorno le doglie

Ti fecero gridare d’amore

Così oggi nel silenzio ti ripari

contristátam et doléntem

Neppure l’inverno più duro

L’insulto più profondo alla tua carne

Diranno al mondo la tua mestizia

pertransívit gládius.

Un cuore giace freddo e immobile

Dall’altro battendo impazzito

Zampilla sangue che segna la terra

Vidit suum dulcem natum

Quel mattino fu primavera quando

Sorridendo lo prendesti in braccio

Quel fiore inerme avresti accudito

moriéndo desolátum,

Ora, come un bocciolo abbandonato

Giace indifeso sulla nuda terra

Per svanire lentamente nel vento

dum emísit spíritum.

L’anima nell’ultimo respiro

Poi quel niente fragoroso, preludio

Di quell’assenza che già è ricordo

Eia, mater, fons amóris,

Eri sua madre ma il tuo destino

Ti rende generatrice di tutti

Noi che solo amore potrà sfamare

me sentíre vim dolóris

Aiutami a patire il tuo dolore

Cingimi con forza perché del male

Complice possa essere io con te

fac, ut tecum lúgeam.

Tu non piangi lacrime ma sangue

Che il tuo pianto allora possa sgorgare

Dal mio viso e segnarlo in eterno

…Iuxta crucem tecum stare,
Et me tibi sociáre
in planctu desídero…
…Quando corpus moriétur,
fac, ut ánimae donétur
paradísi glória.
Amen.

Annunci

Cara luna ogni notte moribonda

Tu sei specchio della nostra umanità.

Con occhi pietosi guardi da lassù

E spargendo la tua debole luce

Nostri ricordi e speranza tu inganni.

Mentre ti levi già svanito è il tempo

La Nature est un temple où de vivants piliers
Laissent parfois sortir de confuses paroles;
L’homme y passe à travers des forêts de symboles
Qui l’observent avec des regards familiars.

Comme de long échos qui de loin se confondent
Dans une ténébreuse et profonde unité,
Vaste comme la nuit et comme la clarté,
Les pafums, les couleurs et les sons se répondent.

Il est des parfums frais comme des chairs d’enfants,
Doux comme del hautbois, verts comme les prairies,
– Et d’autres, corrompus, riches et triomphants,

Ayant l’expansion des choses infinies,
Comme l’ambre, le musc, le benjoin et l’encens,
Qui chantent les transports de l’esprit et des sens

il 19 dicembre del 1861 nasceva a Trieste Italo Svevo. Io sono il dottore di cui in questa novella si parla talvolta con parole poco lusinghiere. Chi di psico-analisi s’intende, sa dove piazzare l’antipatia che il paziente mi dedica…