The Land of Toys

The Land of Toys is about life in Montecarlo: casino, supercars and… Luckily there is Printemps des Arts Festival! Stay tuned…

Annunci

Priorità

Theresa May bloccata dentro la sua auto. La premier britannica in visita da Angela Merkel a Berlino non riesce ad aprire la porta. Di questo, per prima cosa, ci informa il sito del Corriere della Sera. Sarà per questo che in Italia trionfano comici e incompetenti? Il rossetto della soldatessa al posto del resoconto/esito della battaglia?

Social

I social media “sono luoghi dove la passione tende ad avere la meglio sulla razionalità. Ma se tutti urlano è difficile, se non impossibile, dialogare. La conversazione è costruire ponti, mentre il grido funziona come un muro. I troll, i manipolatori, i falsari sono specialisti nel sabotare il discorso pubblico“. Margrethe Vestager intervistata sul Venerdì di Repubblica di oggi

Giornata Internazionale della Pace

Ogni anno la Giornata internazionale della pace dell’Onu è osservata in tutto il mondo il 21 settembre. L’Assemblea Generale ha dichiarato questo come un impegno per rafforzare gli ideali di pace. Quest’anno il tema è il diritto alla pace. Clicca su ONU Italia per maggiori informazioni. La Fondazione Campana dei Caduti a Rovereto -come scritto sul sito Onu- celebra la giornata con il convegno “La faticosa e complessa costruzione del nuovo mondo: il contributo dello sport”. Interverranno al dibattito l’Ambasciatore italiano presso il Consiglio d’Europa Marco Marsilli, il Presidente del CONI Giovanni Malagò, Maria Aiello, Docente di diritto dello sport e l’alteta di sci alpino Manuela Moelgg. Moderatore dell’evento sarà Stefano Bizzotto, giornalista Rai Sport

La notte dell’Europa

Questa è indubbiamente la lezione principale della storia: non c’ è mai stato l’ happy end, che il populismo si dica di destra o di sinistra. Il populismo inizia a volte come una farsa, ma finisce sempre in tragedia. Jean-Paul Marthoz, Le Soir Oggi sul quotidiano la Repubblica un articolo -dal quale ho tratto la citazione- di Béatrice Delvaux ci mette in guardia sul ritorno dei fascismi. E ricorda il sacrificio di Lauro De Bosis. La notte dell’Europa bombardata da Usa e Russia e fiaccata dalla Cina è, purtroppo, solo all’inizio

Dalla Silicon Valley: basta social

Jaron Lanier ha scritto il libro Dieci ragioni per cancellare subito i tuoi account social. Ecco il decalogo: 1) Stai perdendo la libertà di scelta; 2) Abbandonare i social media è il modo più mirato per resistere alla follia dei nostri tempi; 3) I social media ti stanno facendo diventare uno stronzo; 4) I social media stanno minando la verità; 5) I social media tolgono significato a quello che dici; 6) I social media stanno distruggendo la tua capacità di provare empatia; 7) I social media ti rendono infelice; 8) I social media non vogliono che tu abbia una dignità economica; 9) I social media stanno rendendo la politica impossibile; 10) I social media ti odiano nel profondo dell’anima.

Brutti, sporchi e cattivi

Lo so, è già stato detto. Mi sembra invano. Sono a bordo di un treno freccia argento di Trenitalia. Ovvero un caravanserraglio. Un convoglio formato da sole sei carrozze con bagni quasi totalmente fuori servizio. Lo stato dei vagoni è pietoso. Anche grazie agli “utenti”: brutti, sporchi, (probabilmente) cattivi e soprattutto maleducati. Una comutiva di ragazzini scatenati è governata da “educatori” che usano un linguaggio da trivio. Figuriamoci i bambini…. Altri hanno optato per pantofoline infradito e pantaloncini da mare. Tutti mettono i piedi sui sedili. Continua…